Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni sulla privacy si possono trovare qui. Maggiori informazioni sulla privacy si possono trovare qui.

Accetta.

La principessa dei camion Christina Scheib

allo stand fieristico dell’IAA di SPEEDLINE TRUCK

Data: 4. Ottobre 2018
Più collegamenti:

SPEEDLINE TRUCK ha partecipato per la quarta volta all’IAA, il Salone dei Veicoli Industriali di Hannover, che si è tenuto dal 20 al 27 settembre. Oltre al vasto programma relativo ai prodotti, stavolta vi è stato un altro punto di forza: venerdì 21 settembre, la principessa dei camion Christina Scheib (33 anni), ha visitato il nostro stand fieristico.

Alle ore 14, presso il nostro stand E10 nel padiglione 24,  Uwe Springer, SPEEDLINE TRUCK Sales Manager per Germania e Austria, le ha consegnato un cerchio per camion decisamente particolare: un SLT 2907 lucido a specchio nella misura di 22.5 × 9.00 pollici, appositamente inciso dal “tatuatore” di cerchi Edmund “Eddy” Schuster.

Abbiamo quindi fruttato l’occasione per farle qualche domanda.

Christina, quando e in che modo hai deciso di fare la camionista?

Già da piccola sognavo di scegliere un lavoro straordinario per le donne. All’inizio pensavo di fare il carpentiere o il falegname. Ma poi purtroppo ho perso d vista questo obiettivo e, anziché perseguirlo, ho studiato per diventare assistente del medico. Ma quando sono diventata più grande e ho iniziato a lavorare nel soccorso stradale per una ditta del settore, il sogno di diventare camionista si è fatto sempre più insistente, così lavoravo sodo per poter trasformare il sogno in realtà dal punto di vista economico. Infine ce l’ho fatta! Ho esaudito il mio desiderio senza rimpiangere un singolo minuto né un solo centesimo.

Com’è lavorare in un settore così prettamente maschile? Quali sono secondo te i vantaggi e gli svantaggi? Che cosa ti diverte in particolare di questa professione?

Contro il parere di molti uomini, che desiderano proteggere e supportare, anche noi donne siamo felici di poter fare le cose “senza essere aiutate”. Altrimenti non vorremmo nemmeno fare un lavoro se non siamo in grado di farlo. Personalmente mi piace molto lavorare in un settore per “uomini”. Non soltanto per dimostrare che lo posso fare anch’io come donna, ma per fare qualcosa di speciale.

Come svantaggio noto che noi donne, in questo settore, siamo sottoposte ogni giorno a delle prove. Se un uomo, da principiante, non esegue una retromarcia impeccabile, tutti dicono: “È giovane, deve ancora imparare.” Se però è una donna ad avere una brutta giornata (cosa che succede anche agli uomini), l’affermazione diventa: “È tipico. Le donne non sanno andare in retromarcia.” Ciò, a volte, è stressante per una donna. Dobbiamo sempre dare il 120%.

E del mio lavoro mi diverte vedere il risultato. Una nuova strada o una casa nuova… mi piace semplicemente vedere a cosa abbiamo contribuito.

Quant’è importante per te avere dei bei cerchi (sia per un’auto che per un camion)?

Avere dei bei cerchi è importante quanto avere un camion pulito. È la prima impressione, e per me è molto, molto importante che tutto sia pulito.

Come sei venuta a conoscenza di SPEEDLINE TRUCK e dove hai conosciuto Eddy? Com’è nata questa azione presso il nostro stand?

Conosco SPEEDLINE TRUCK grazie ai cerchi della mia auto. Per Eddy e il suo lavoro invece devo ringraziare Facebook.

Come trovi l’idea di incidere i cerchi? Che cosa intendi fare con il cerchio SLT “tatuato”?

La trovo una bella idea! Ed è anche qualcosa di straordinario. Forse non interessa a tutti, ma chi ha un camion o una vettura speciale, desidera anche avere dei cerchi particolari.

Sei anche apparsa in diverse trasmissioni televisive come ad esempio “Asphalt Cowboys”. Com’è successo?

Sono arrivata a “Asphalt Cowboys” davvero per caso. La società di produzione ha sentito parlare di me e mi ha scritto per sapere se avevo intenzione di partecipare. All’inizio pensavo ad uno scherzo. Dopo una lunga ricerca ho invece scoperto che non si trattava per niente di uno scherzo. Non ci potevo credere, ho chiamato il mio capo e gli ho chiesto se poteva immaginarselo. Ha risposto di sì, senza nemmeno pensarci ed è andata così.

Che cosa ti è piaciuto del Salone Internazionale dei Veicoli Industriali, in particolare del nostro stand?

L’IAA è stato estremamente interessante. E il vostro stand fieristico mi è piaciuto molto. Il vostro personale è stato gentile e lo stand era perfettamente strutturato: il tutto mirato per fornire informazioni molto esaustive. Mi piacerebbe molto incontrarvi di nuovo tra due anni, qui ad Hannover!

Christina, anche noi ti ringraziamo per la visita!